Aprire un eCommerce in Gran Bretagna: Regole, Legislazione e Vantaggi
Fiscalità

Come aprire un e-commerce in Gran Bretagna: legislazione e vantaggi

Come aprire un e-commerce in Gran Bretagna? Legislazione, regole e vantaggi nel costituire una società in Inghilterra per vendere prodotti online.

    Come aprire un e-commerce in Gran Bretagna: legislazione e vantaggi

    Aprire un e-commerce in UK: vantaggi

    I rivenditori online che scelgono di aprire un’e-commerce in Gran Bretagna possono beneficiare di diversi benefici dovuti alla crescita di questo settore nel paese. Tra il 2014 e il 2018, infatti, la quota media di vendite online è passato da 7,2% all’8,8%, per un totale di fatturato di 688,4 miliardi di dollari solo nel 2018 (Dati: Office of National Statistics).

    Un buon volume di traffico di utenti non è però l’unico vantaggio che spinge sempre più imprenditori ad aprire un e-commerce nel Regno Unito. Scopriamo tutti i principali vantaggi.

    Tassazione agevolata

    Uno dei principali vantaggi dell’apertura di un e-commerce in UK è l’accesso ad una tassazione agevolata. Le società che operano nel Regno Unito con una società (ad esempio: una LTD) possono far riferimento ad aliquote agevolate rispetto a quelle di altri paesi europei.

    Nello specifico, per le società operanti nel Regno Unito la tassazione sugli utili netti è pari al 19%. Dunque, se durante l’anno fiscale gli utili prodotti dalla società sono stati pari a 100 mila sterline, il totale da corrispondere all’HMRC sarà pari a 19 mila sterline.

    Partita IVA

    La VAT o Value Added Tax, corrispondente all’IVA italiana (imposta sul valore aggiunto) è l’aliquota indiretta addebitata sui beni e servizi forniti dalle imprese che sono registrate e che operano nel Regno Unito. In UK, è possibile non registrarsi per la VAT se si ha un giro d’affari pari o inferiore a 85 mila sterline annue.

    Superata questa cifra è obbligatoria la registrazione e l’applicazione della VAT in fattura. In questo caso le aliquote previste a seconda del settore merceologico d’appartenenza sono:

    • Aliquota Ordinaria pari al 20%
    • Aliquota Ridotta pari al 5%
    • Aliquota Zero pari allo 0%

    Chi si registra con una VAT inglese deve trimestralmente inviare la dichiarazione dell’IVA all’HMRC direttamente online o tramite il proprio commercialista.

    Il fisco britannico verificherà successivamente se in base alla dichiarazione, la società, azienda o ditta individuale presenta un profilo di iva a credito (VAT Return) o se deve pagare l’Iva a debito.

    Nel primo caso l’HMRC corrisponde l’importo della VAT Return in due settimane sul conto della società mentre se si registra un debito d’imposta a seconda dell’aliquota di riferimento, si dovrà bonificare al fisco inglese la somma richiesta entra l’ultimo giorno del mese del trimestre al quale si fa riferimento.

    Internazionalizzazione dell’attività

    Infine, uno dei vantaggi da non sottovalutare quando si avvia un’e-commerce nel Regno Unito è il profilo di cui gode la società (specie se si opta per una LTD) a livello internazionale.

    Il Regno Unito è tra i paesi che richiama il maggior numero d’investimenti stranieri a livello internazionale anche per via del largo uso della lingua inglese nel mondo. Ciò si traduce in un bacino d’utenza molto ampio su piano mondiale.

    Lavorare in lingua inglese infatti dà alle aziende del Regno Unito un vantaggio comunicativo non indifferente, sopratutto se si opera online, rendendo fruibile il sito con i suoi prodotti e servizi non solo in Inghilterra ma anche nei mercati europei, americani e asiatici.

    Regole per gli e-commerce nel Regno Unito

    Conoscere le regole per gli e-commerce nel Regno Unito è molto importante per chi vuole aprire un’attività online nel paese. I  regolamenti nazionali nel campo del commercio online sono molto precisi e gli obblighi previsti devono essere assolti se non si vuole correre il rischio di essere multati o sottoposti ad una revisione dell’attività da parte dell’autorità britanniche.

    Data Protection Act 2018

    Il Data Protection Act 2018 è un atto del Parlamento del Regno Unito aggiornato che include anche le regole del GDPR dell’Unione Europea. Il nuovo atto per la protezione dei dati nell’Unione Europea prevede l’applicazione di una serie di regole valide per tutti coloro che trattano i dati personali di utenti e acquirenti. Dunque, al suo interno risiedono anche dei regolamenti fondamentali per chi apre un e-commerce in UK.

    In particolare, questa legge suddivisa in sette parti prevede in linee sommarie:

    • La necessità di ottenere sempre l’ottenimento del consenso da parte degli utenti per divulgare o conservare i dati ottenuti (utilizzando sempre la regola dell’opt-in)
    • Comporta reato la vendita o offerta di dati personali divulgati senza permesso dell’utente
    • Le informazioni sui dati personali acquisite devono essere impiegate in modo lecito, trasparente ed equo, pertinente e limitato all’uso necessario
    • I dati devono essere gestiti con la giusta sicurezza in tutti gli ambiti, compresa la protezione in fase di elaborazione, accesso, distribuzione, perdita, danno illeciti
    • Le informazioni sensibili devono essere protette pena condanne penali e civili. Tra le informazioni sensibili ci sono: opinioni politiche, origine etnica, appartenenza sindacale, biometria, genetica, credenze religiose, salute, orientamento sessuale.
    • Gli utenti devono essere informati sull’utilizzo dei dati
    • I dati errati devono poter essere aggiornati su richiesta dell’utente
    • L’utente deve poter avere accesso o richiedere la limitazione d’uso dei suoi dati personali
    • Gli utenti possono opporsi all’elaborazione dei loro dati personali in determinati casi e circostanze
    • La profilazione (usata per verificare comportamenti o interessi) non deve portare al riconoscimento univoco di una persona e dei suoi dati personali

    Consumer Protection (Distance Selling) Act 2000

    Il Consumer Protection (Distance Selling) Act 2000 è un regolamento dedicato alla vendita a distanza e alla protezione dei consumatori. Il regolamento si applica alle:

    • Vendite per corrispondenza
    • Vendite Online
    • Vendite televisive
    • Vendite telefoniche

    Il regolamento prevede una serie di diritti dedicati al consumatore, tra i quali la possibilità di cambiare idea e annullare un ordine entro un termine di 7 giorni.

    I sette giorni lavorativi previsti dal Consumer Protection Act decorrono dal giorno in cui il consumatore accetta di procedere alla sottoscrizione di un contratto in abbonamento oppure alla restituzione di un prodotto ordinato e ricevuto. L’ordine può essere annullato sia prima della ricezione del prodotto sia successivamente.

    Nello specifico le regole dell’annullamento prevedono:

    • Un’informativa redatta dall’azienda che fornisca tutte le informazioni relative al recesso
    • Il cliente deve prendersi cura della merce prima della restituzione all’azienda e rendere il prodotto disponibile al ritiro
    • Il cliente che ha pagato in anticipo ha diritto a un rimborso dei soldi entro 30 giorni
    • Il cliente che ha pagato la merce impiegando un contratto di credito, vedrà annullato in automatico il contratto di finanziamento al momento della restituzione del prodotto

    Tutte le aziende che operano online nel Regno Unito sono obbligate inoltre a:

    • Indicare il nome completo dell’azienda
    • Indicare l’indirizzo postale completo dell’azienda
    • Segnalare le modalità di pagamento previste per i prodotti venduti
    • Inserire se presenti o meno le spese di spedizione
    • Le consegne devono essere effettuate entro 30 giorni dall’ordine, se non specificato diversamente
    • Il cliente può annullare l’ordine e ottenere il rimborso
    • Palesare i tempi della durata di un’offerta o di un prezzo scontato
    • Se si fornisce un abbonato specifica la durata minima del contratto
    • Questi regolamenti non si applicano ad alcuni servizi come: aste, contratti di vendita dei terreni, servizi finanziari, telefonia a pagamento.
    • Sono esclusi anche alcuni beni quali: articoli personalizzati, merci di natura reperibile (come alimenti o fiori), registrazioni video o audio, oppure contenuti in formato elettronico o digitale, oppure riviste, giornali e periodici.

    The Electronic Commerce (EC Directive) Regulations 2002

    L’Electronic Commerce EC Directive Regulations 2002 è una legge approvata dal Parlamento Inglese che ha lo scopo di migliorare il rapporto tra consumatori e proprietari degli e-commerce chiarendo i diritti e gli obblighi di entrambe le parti. Chiunque gestisce un’attività online o prende ordini via mail deve dunque far riferimento a questa normativa.

    La direttiva sul commercio elettronico si applica a tutti coloro che:

    • Pubblicizzano beni e servizi online
    • Vendono beni e servizi a consumatori e aziende online
    • Trasmettono o archiviano contenuti elettronici e forniscono accesso ad una rete di comunicazione

    Le principali norme sul commercio elettronico prevedono:

    • Chiara indicazione dei prezzi sul sito web
    • Indicazione del numero VAT se presente
    • Dettagli sull’autorizzazione ottenuta per condurre una determinata attività online
    • Dettagli sull’appartenenza o meno ad un’organizzazione commerciale, con numero di registrazione e link di collegamento online (se presente).
    • Indicazioni sull’azienda complete d’indirizzo e sede legale

    Per i contratti elettronici e gli ordini online è necessario anche:

    • Comunicare prima dell’ordine una descrizione delle fasi tecniche per la conclusione di un contratto online
    • Archiviazione del contratto di vendita nel rispetto del Regolamento sulla Privacy
    • Dare la possibilità agli utenti di modificare errori quali: indirizzo di spedizione, dati personali, ecc…
    • Indicare le lingue in cui è possibile concludere il contratto di vendita oltre l’inglese
    • Dare immediata ricezione dell’ordine e confermare con un’e-mail al cliente l’avvenuta registrazione e il periodo di consegna

    Infine, nell’ambito delle comunicazioni commerciali la direttiva richiede:

    • Che qualunque mail progettata per la promozione di prodotti e servizi sia identificata come tale
    • La persona o impresa per conto della quale viene inviata la mail dev’essere identificata in modo chiaro
    • Eventuali offerte, promozioni, pubblicità, sconti, regali, concorsi premio devono essere identificati chiaramente dall’oggetto della mail

    Come aprire un e-commerce in Gran Bretagna

    Aprire un e-commerce in Gran Bretagna prevede che si svolgano determinate operazioni in conformità alle norme che regolano il commercio elettronico. Il primo passo è assolvere agli obblighi burocratici, successivamente si può procedere alla costruzione del sito e all’individuazione del magazzino. Ma vediamo nel dettaglio come avviare un e-commerce in UK.

    Aprire una LTD nel Regno Unito

    Aprire una LTD nel Regno Unito prevede un iter ben preciso che può essere eseguito, mediante le agenzie d’intermediazione, anche se non si è residenti in Inghilterra, a patto che la sede legale e la principale attività commerciale o imprenditoriale venga svolta nel paese.

    Per l’apertura di una LTD è necessario:

    1. Scegliere un nome che identifichi la propria attività. Il nome dev’essere unico, né simile o uguale ad altri già registrati da aziende presenti nel Regno Unito.
    2. Nomina dell’amministratore legale della società che può essere uno dei membri della LTD o un professionista esterno pagato appositamente per svolgere questo ruolo.
    3. Redazione del Memorandum d’associazione
    4. Scrittura dello Statuto degli articoli per la LTD
    5. Registrazione dell’azienda all’HMRC (Fisco britannico)
    6. Apertura di un conto corrente bancario britannico

    Una volta concluso il percorso burocratico per l’apertura della LTD, sarà possibile iniziare a costruire il proprio e-commerce e procedere alla realizzazione del sito web e gestione del magazzino per la spedizione delle merci.

    È possibile approfondire l’argomento sulla nostra guida alla costituzione di una società in Inghilterra.

    Costituire l’e-commerce in UK

    La realizzazione di un e-commerce in UK dev’essere fatta nel rispetto delle norme sia nel campo della privacy sia della trasparenza, come previsto dalle leggi del paese.

    Dunque, il primo passo è sicuramente scegliere: nome dominio, hosting, provider al quale affidarsi (per il dominio si consiglia di acquistare un’estensione .co.uk per il commercio nel Regno Unito e .com per gli altri paesi).

    Dopo di ché bisogna effettuare:

    • La costruzione del sito web, tramite servizi terzi (es: Woocommerce o Magento) oppure direttamente con codice proprio html, php, css.
    • Ogni prodotto dell’e-commerce deve indicare il prezzo
    • Bisogna inserire una pagina dedicata ai diritti dei consumatori e regole per il recesso
    • Si devono indicare chiaramente le modalità di pagamento del prodotto
    • La raccolta dei dati personali, di tracciamento e profilazione dei contatti dev’essere svolta nel rispetto delle norme per la privacy
    • Nella homepage del sito bisogna indicare tutti i dati relativi all’azienda (compreso numero di VAT se presente), meglio se inseriti nel footer a livello site-wide

    Gestione del magazzino

    Un e-commerce che opera in Inghilterra e che vende prodotti fisici (non servizi digitali) deve obbligatoriamente avere un magazzino con sede in una città della Gran Bretagna.

    Il magazzino dev’essere intestato alla stessa azienda proprietaria dell’e-commerce e da lì devono partire tutti gli ordini, i resi e le sostituzioni per le vendite effettuate nel paese.

    Si possono gestire anche altri magazzini nei paesi in cui si vendono i propri prodotti. L’importante è che la sede amministrativa e legale, e il magazzino siano siti in UK per mantenere correttamente la propria LTD, ed evitare problemi con il fisco.

    Se non si ha tempo o competenze per la gestione del magazzino, si può scegliere eventualmente di affidarsi anche a società che offrono la gestione degli ordini e del magazzino per conto terzi. L’importante è che il contratto di gestione del magazzino sia intestato alla LTD proprietaria dell’e-commerce.

    Conviene aprire un e-commerce in UK dopo la Brexit?

    Una domanda che può sorgere spontanea in questo periodo è: conviene aprire un e-commerce in UK dopo la Brexit?

    Sicuramente la Brexit spaventa per l’incertezza a livello normativo e alle regole che potrebbero cambiare dopo un distaccamento dall’Unione Europea.

    Bisogna comunque considerare che le norme vigenti, anche quelle dovute agli accordi con l’UE, sono state approvate dal Parlamento ed una eventuale abrogazione prevederebbe comunque un periodo di adeguamento per gli e-commerce e le attività presenti nel paese.

    Anche se alcune modifiche normative sul commercio elettronico potrebbero essere approvate dal parlamento britannico dopo la Brexit, è necessario considerare anche i vantaggi che un allontanamento dell’Inghilterra dall’Unione Europea può determinare.

    Tra questi c’è l’ipotesi che il Regno Unito possa migliorare le condizioni già ora agevolate in termini di tasse.

    Infatti, in molti prospettano che l’Inghilterra potrebbe diventare la Singapore d’Europa. Dopo la Brexit proprio la mancata necessità di dover sottostare a determinati regolamenti e paletti imposti dall’Europa potrebbe dare agli imprenditori l’accesso a un sistema fiscale più agevole e ad una burocrazia ulteriormente semplificata.

    Infine, bisogna tener conto che tutti i vantaggi della gestione di un e-commerce in UK tra i quali l’ingresso in un mercato propenso agli acquisti online e un miglior profilo a livello internazionale, non verranno intaccati dall’uscita della Gran Bretagna dall’UE.

    0 0 vote
    Article Rating
      error: I contenuti su questo sito sono protetti dalle regolamentazioni italiane ed internazionali in materia di copyright. Ogni illecito verrà prontamente segnalato via DMCA senza alcun preavviso
      0
      Would love your thoughts, please comment.x
      ()
      x