Legge di Bilancio: Cos'è

Legge di Bilancio

La Legge di Bilancio è lo strumento contabile principale che definisce gli obiettivi di bilancio previste per l’anno successivo.

Ultimo aggiornamento: 2 Novembre 2019

    Legge di Bilancio

    Cos’è la Legge di Bilancio

    La Legge di Bilancio (o anche bilancio di previsione dello Stato) è lo strumento attraverso il quale l’Italia definisce gli obiettivi in termini di spese pubbliche e di entrate previste per l’anno successivo (anche se con prospettiva triennale). Si tratta di un documento contabile di tipo preventivo che il Governo presenta al Parlamento.

    Viene comunicata dal governo entro il 20 ottobre di ogni anno, dando avvio all’iter normativo che porterà, entro il 31 dicembre all’approvazione del testo definitivo.

    N.b. Dal 2016 (Legge n. 163 del 2016 per effetto dell’articolo 15 della Legge rinforzata n. 243/2012) la Legge di Bilancio integra in un unico testo legislativo la Legge di Stabilità. Fino al 2015 infatti avevamo il Dlb (Disegno di Legge di Bilancio) ed il Dls (Disegno di Legge di Stabilità), che insieme componevano la Manovra Triennale di Finanza Pubblica (insieme degli interventi volti a modificare la legislazione vigente). Alla fine della Sessione di Bilancio si approvavano contestualmente i due disegni di legge, dando origine alla Legge di Bilancio (LB).

    Le modifiche apportate al bilancio nel corso della discussione parlamentare formano oggetto di apposita nota di variazioni.

    Come è strutturato

    Il Disegno di Legge di Bilancio è diviso indue macroaree: lo stato di previsione per le entrate e gli stati di previsione di spesa per ogni singolo ministero con portafoglio.

    Le entrate sono ripartite in:

    1. entrate tributarie
    2. entrate extra-tributarie
    3. alienazioni ed ammortamento di beni e riscossione di crediti
    4. accensione di prestiti

    Gli stati di previsione di spesa sono divisi ciascuno in missioni (finalità generali perseguite attraverso la spesa dello Stato) e programmi (unità di voto parlamentare relativa alle spese). I programmi sono a sua volta articolati in azioni, che definiscono l’assegnazione delle risorse destinate al programma tra le diverse attività.

    Legge di Bilancio e Rendiconto consuntivo

    Non va confusa la legge di bilancio con il rendiconto consuntivo, che invece è un documento contabile che definisce le entrate e le uscite nell’anno finanziario a cui il bilancio fa riferimento.

    Il Documento di Economia e Finanza (Def)

    Alla base della Legge di Bilancio vi è il Documento di Economia e Finanza (il Def, o Draft Budgetary Plan), che definisce il perimetro economico (i margini di disponibilità economica) entro il quale potrà muoversi la Legge di Bilancio, determinando gli indicatori di crescita del Pil e del rapporto deficit/Pil.

    Esso viene trasmesso alla Commissione Europea e all’Eurogruppo entro il 15 ottobre di ogni anno da ogni Stato membro dell’UE. Nel documento viene illustrato all’Europa il proprio progetto di bilancio per l’anno successivo, dall’obiettivo di saldo di bilancio alle proiezioni delle entrate e delle spese.

    Dopo l’approvazione del Def, il governo redige la Legge di Bilancio, che deve essere approvato in maniera definitiva entro la fine dell’anno. Le normative previste entrano poi in vigore dal 1 gennaio dell’anno successivo.

    Nota di aggiornamento al Def (NADEF)

    La Nota di aggiornamento al Def (NADEF) viene presentata alle camere entro il 27 settembre di ogni anno al fine di aggiornare le previsioni economiche di finanza pubblica del Def. Tale documento contiene l’aggiornamento degli obiettivi programmatici sulla base di ulteriori dati, informazioni ed eventualmente osservazioni da parte delle istituzioni UE competenti.

      error: I contenuti su questo sito sono protetti dalle regolamentazioni italiane ed internazionali in materia di copyright. Ogni illecito verrà prontamente segnalato via DMCA senza alcun preavviso